2 E 17 ci siamo. Una storia nuova da scrivere. Nuova pagina del quaderno della vita.

Fra poche ore saremo nel due e diciassette. E ci saremo tutti. Anche chi è fermo e vorrebbe tornare indietro. Ma la storia non si ferma. E vive solo chi accetta la sfida di mettersi in gioco ancora una volta. Mi fanno paura quelli che parlano solo di cose passate, di storie di una volta, e le raccontano come se oggi bisogna riviverle. Ora giriamo la pagina del quaderno della vita e si affaccia una pagina tutta bianca. Da piccolo usavo fare una specie di cornice colorando i quadratini. Ma poi la pagina andava scritta e allora ci scappavano segni rossi e blu della maestra. E allora i quadratini davano quasi fastidio ricordando la gioia di quando li avevo fatti. Anche nella nostra vita ci sono i segni rossi e blu e la maestra non era genoana! Abbiamo la fortuna, direi quasi tutti che leggono, di avere l’isola che c’è. E’ la nostra sede, è il nostro gruppo, è il campo sogno a Rumo, sono le riunioni, sono i campi estivi. Dove è più difficile fare errori enormi. Pensiamo al campi estivi, che clima sereno e che gioia di fare il bene senza difficoltà. Si diventa diversi, si migliora, ci stupiamo di noi stessi. Le  nostra sedi possono essere una piccola casa come quella di Rumo. E’ il recinto di amicizia che il Signore ha costruito intorno a noi. Penso anche alle feste del volontariato e  i Nat@li. Ogni riga è un giorno, e che emozione quando poi si sfoglia solo per il gusto di ricordare le cose belle fatte. Allora si riceve la forza di continuare  così. Il massimo è arrivare a fare il bene senza che uno se ne accorga. Come sorridere senza pensarci. L’ossatura dell’anno rangers e millemani è stata decisa insieme nella “due giorni” dove abbiamo programmato le iniziative più importanti dei gruppi. Ma ogni iniziativa, ogni riunione, ogni piccola cosa come un manifesto deve avere un anima rangers e millemani. Girano ancora fogli senza i due nostri siti. O peggio ancora difficile trovare il codice fiscale per il 5 per mille. Nel nuovo libro nel due e 17 parlo della credibilità. Che non è mai data come scontata. Si costruisce con fatica e nelle prove esce la credibilità. Ogni gruppo va avanti grazie a queste persone. Anche nel gruppo rangers la storia la fa chi tiene fermo l’aratro e non chi si gira ogni tanto o peggio ancora lascia l’aratro. Leggendo le pagine del due e sedici si nota un cambio di testimone di persone molto convinte  e credibili, quasi in tutti i gruppi. Certa gramigna ci sarà sempre e non siamo certo noi a cambiarli. Ci mettono alla prova ma se siamo credibili non ci mettono in crisi. Ci sono dei termometri. Come lo stato della sede, dei fogli, le riunioni con tematiche e non solo giochi. La fede con la Messa la domenica. Altro termometro di gruppo è la riunione di direzione. Non sono solo i numeri dei ragazzi ma anche il messaggio che viene loro dato. Saranno riprese la cene solidali. Chiuderemo il discorso fondazione. Il Papa a Genova il 27 maggio. Il Chiodo e i due siti sono ancora i nostri biglietti da visita. Si tenterà di fare il campo da gioco al campo a Rumo. Guido ha in cantiere un libro dove ognuno potrà dare un  contributo. Ma come ora il vento è a favore, le famiglie ci credono e anche i frati sembra che ci sentano. Ora una preghiera per tutte la famiglie in difficoltà e non solo economiche. Dico famiglie anche del nostro giro. Deve nascere maggior attenzione a problemi che si possono risolvere con un aiuto concreto. Penso a quello che è successo a me. Senza l’aiuto concreto io sarei finito e invece non è cambiato nulla,anzi dopo anni dico la Messa alla Maddo e in sede. Vedo che fra poco entriamo nel 2 e 17  e quindi chiudo con gli auguri a tutti. Ma tutti e siete tanti. Questa notte nel letto penserò a tutti voi con il bicchiere in mano e qualche petardo. Forse sentirò gli spari. Per me è bello così. Auguri per un due  e 17 ricco di credibilità, di gente credibile per le 360 righe. Auguri.

DCIM100GOPRO

Author: Padre Modesto Paris

Share This Post On